Giubilei di Vita Consacrata

Sono 12 sorelle in Cristo, che si sono preparate nel silenzio contemplativo e nella rievocazione del loro vissuto, rendendo grazie a Dio per le meraviglie in loro operate e chiedendo perdono per le immancabili negligenze e fragilità del loro servizio a Dio e ai fratelli.

La fedeltà del Signore è per sempre

Nel Convento Sant’Antonio a Tricarico, dopo un corso di Esercizi Spirituali guidati da padre Luigi Di Palma francescano, 12 Discepole celebrano il loro giubileo di vita consacrata.

In Casa Madre a Tricarico oggi c’è aria di festa. Alcune sorelle celebrano con emozione e gioia il giubileo della loro vita consacrata. I loro cuori sono colmi di un’immensa gratitudine verso il Signore che le ha scelte e consacrate alla sua sequela e le ha conservate fedeli ai loro Voti, dolci legami che le hanno tenute unite a Lui, Sposo amato e Maestro adorato.

Sono 12 sorelle in Cristo, che si sono preparate nel silenzio contemplativo e nella rievocazione del  loro vissuto, rendendo grazie a Dio per le meraviglie in loro operate e chiedendo perdono per le immancabili negligenze e fragilità del loro servizio a Dio e ai fratelli.

Sono: Sr Espérance Mukandanga, Sr Loredana Mimosa e Sr Monique Uzamukunda, che festeggiano il 25.mo di Vita religiosa;

Sr Augusta D’Angelo, Sr Lena Cipolletta, Sr Lucia Elia, Sr Maria Brigida Canitano, Sr Maria Giacinta Schirinzi, Sr Maria Vincenza Pennacchia, Sr Mattia Sollitto, Sr Teresita Vernai, che festeggiano il 60.mo di vita religiosa;

Sr Narcisa Caianiello, che celebra il 75.mo di vita religiosa.

Discepole che hanno celebrato i Giubilei

Sono assenti 4 sorelle:

Ir. Lucia De Borba, una Discepola brasiliana che celebrerà in patria il suo giubileo di 25 anni di vita religiosa, il 29 luglio.

 Suor Cira Pretorino e Sr Rosilde Rinaldi, che celebrano il 60.mo, ma non hanno potuto unirsi al gruppo, impedite dalla malattia.

Sr Lùcia Fabozio, che celebra il 70.mo di vita religiosa e ha già festeggiato nella sua comunità di Napoli – Via Gianturco, non potendo viaggiare, per l’età avanzata e le sue condizioni di salute.

Le presenti le ricordano con affetto, mentre preparano le loro lampade e formano la processione d’ingresso e, seguite dalla Madre Maria Giuseppina e dai sacerdoti, entrano nella Chiesa di S. Antonio, accompagnate dalle note dell’armonium e dalle voci del coro. Le loro lampade accese vengono deposte ai piedi dell’altare, quale simbolo eloquente della fedeltà del loro amore allo Sposo Gesù.

Questa Chiesa di Sant’Antonio, così densa di memorie, carica di storia della Congregazione, oggi gremita di popolo e di Discepole, le accoglie festante. La Celebrazione è presieduta dal carissimo Mons. Nicola Urgo, vicario del Vescovo di Tricarico, e concelebrata da altri tre sacerdoti e dal religioso che ha predicato gli Esercizi spirituali, Padre Luigi Di Palma.  È sobria e solenne ad un tempo. La liturgia della Parola di questa quattordicesima domenica del Tempo Ordinario è commentata magistralmente dall’omelia del celebrante che non tralascia di far riferimento più volte alla parola del Venerabile nostro Padre fondatore.

Al termine dell’omelia le tre sorelle che celebrano il 25.mo di professione si accostano all’altare e rinnovano i loro voti con la formula di devozione. Seguono il gruppo delle sorelle che celebrano il 60.mo di professione e infine la sorella che celebra 75 anni di vita religiosa: Sr Narcisia, che, a dispetto dei suoi 92 anni di età, mette fuori una voce alta e vibrante e pronunzia la formula con un ardore tale, da strappare l’applauso dell’assemblea.

Al termine del Rito tra i corridoi e nel chiostro, si scambiano gli auguri, si scattano foto e si condividono i ricordi con gioia. Il clima di festa prosegue durante il pranzo e si conclude con i saluti e le partenze. Nel cuore di chi parte e di chi resta rimane il sentimento di gratitudine e il proposito di una vita più evangelica e più conforme alla nostra vocazione eucaristica.