11 febbraio 2019

Oggi ricordiamo e celebriamo l'anniversario della nomina a Vescovo di Tricarico del nostro amatissimo Padre fondatore venerabile Raffaello Delle Nocche. Così egli scriveva nella Prima lettera pastorale: "Il sacro comando, con cui il nostro Sommo Pontefice mi designava Pastore di codesta insigne Diocesi, gettò la trepidazione nel mio spirito, al pensiero della pochezza del mio intelletto e della deficienza in me d'ogni merito e d'ogni virtù" ("Lettere”, 24 agosto 1922).

11 febbraio 2019

Oggi ricordiamo e celebriamo l’anniversario della nomina a Vescovo di Tricarico del nostro amatissimo Padre fondatore venerabile Raffaello Delle Nocche, il 19 febbraioi 1922.

Così egli scriveva nella Prima lettera pastorale:

Il sacro comando, con cui il nostro Sommo Pontefice mi designava Pastore di codesta insigne Diocesi, gettò la trepidazione nel mio spirito, al pensiero della pochezza del mio intelletto e della deficienza in me d’ogni merito e d’ogni virtù”  (“Lettere”, 24 agosto 1922).

 

  Consacrazione episcopale del venerabile Raffaello Delle Nocche   NAPOLI 25 luglio 1922

 

La consapevolezza della sua pochezza lo rendeva umile, lo disponeva all’esercizio della fede e dell’obbedienza, lo faceva crescere nella certezza che il Signore chiama e si incarica di accompagnare il chiamato per realizzare quanto desidera.

Il segreto della sua disponibilità alla volontà di Dio fu una fede incrollabile.

La sorgente da cui attingeva continuamente la forza di rimanere saldo nella fede e nella carità era il suo amore grandissimo e appassionato per la divina Eucaristia.

L’Eucaristia e la Madonna Santa, come lui amava chiamarla, erano i segreti del suo amore profondo e fecondo; a questa sorgente è cresciuta la sua santità, da questi amori sono nate le sue opere di bene ed è nata la Congregazione delle Suore Discepole di Gesù Eucaristico, a cui ha comunicato il suo ardore di santità e il suo zelo apostolico.

Aiuti anche noi ad essere fedeli alla nostra vocazione eucaristica.